Home Blog Predatori Astrali – e di come alcol e droghe può richiamarli a voi

Predatori Astrali – e di come alcol e droghe può richiamarli a voi

0
Predatori Astrali – e di come alcol e droghe può richiamarli a voi

Chi non ama la compagnia degli animali, soprattutto se si tratta di un cane o di un gatto? Quel grazioso micino che con il suo fascino è capace di suscitare in noi sentimenti di affetto e tenerezza.

Ma aspetta un attimo!

Forse, nel nostro modo di interpretare questo animale, ci sfugge qualcosa di importante.

Immagina per un momento di rimpicciolirti fino ad arrivare alla dimensione di un uccellino, oppure un topolino. Oops, ecco che la vera natura di quel grazioso micio ci appare subito chiara. Il nostro grazioso micino ci sta osservando con gli occhi sgranati, colmi di eccitazione, e ci punta come un laser, sì, perché ora per lui non sei più quel compagno che apre scatolette di carne, ma sei diventato tu stesso il suo prossimo pasto. Dunque, dovresti aver capito come si possa sentire un topolino finito nelle grinfie del tuo grazioso gatto.

Oppure, immagina di essere per un momento una pianta che sta beatamente “clorofillandosi “al sole, quando improvvisamente arriva una giraffa e inizia a strapparti le foglie di dosso, che sono i tuoi arti, mangiandoti viva. Wow, la giraffa sarà pure un animale docile e mansueto ai nostri occhi, eppure per una pianta non è che un temibile predatore.

Inutile negarlo, viviamo in un sistema in cui gli esseri viventi del pianeta sono tutti interconnessi tra loro, non solo attraverso gli elementi aria, acqua, fuoco, terra, spazio e tempo, ma anche attraverso dinamiche di interdipendenza piuttosto macabre.

Arriviamo al punto.

Per garantire la nostra sopravvivenza, siamo in un certo senso costretti a mangiarci l’un l’altro in un equilibrio di predatore e preda che si espande in tutto il reame, non solo vegetale e animale ma anche in quello che trascende la materia grossolana. Esistono predatori che si nascondono nella dimensione sottile astrale.

Vediamo chi sono.

Non ci soffermeremo a spiegare in questo articolo cosa sia il campo astrale e come la coscienza possa trasferirsi dal corpo grossolano a quello sottile per navigare i mondi astrali, anche perché è stato scritto molto riguardo a questo tema. Vi proponiamo soltanto alcuni degli autori più consigliati come William Buhlman (“Avventure nell’aldilà” e “Come uscire fuori dal corpo”) e Yogi Ramacharaka (“La vita dopo la morte”).

Avventure nell'Aldilà
Viaggi fuori dal corpo e potenziamento spirituale

Voto medio su 15 recensioni: Da non perdere


Come uscire fuori dal corpo
La guida per esplorare i mondi astrali e sperimentare il proprio sé superiore

Voto medio su 36 recensioni: Buono


La Vita dopo la Morte

Secondo l’antica saggezza vedica, così come anche in altre culture esoteriche, il nostro mondo visibile non è che una minima parte di ciò che realmente esiste. Pensate che il mondo dell’invisibile è talmente vasto che queste dimensioni sono spesso presidiate da vere e proprie divinità, come ad esempio SHIVA, il quale ha anche il compito di proteggere e guidare nel percorso evolutivo le entità spettrali.

Alcune di queste entità, che potremmo definire vampiriche, hanno la capacità di rubare l’energia vitale (chiamata prana in sanscrito), di chi si trova ancora in vita sul piano fisico e lo fanno muovendosi ed attaccando proprio sul piano astrale. Ciò avviene quando il nostro campo aurico od energetico viene danneggiato, dando la possibilità a queste entità di agganciarsi al nostro corpo astrale, trasferendo il flusso di energia al proprio corpo astrale. Anche se non lo vogliamo, la maggior parte di noi è letteralmente circondata da creature astrali che le vampirizzano. Questo accade purtroppo spesso proprio perché con il nostro modo di vivere moderno produciamo dei veri e propri varchi sul piano emotivo e sessuale che danneggiano il nostro sistema energetico, permettendo così a tali entità di agire indisturbate.

Stati emotivi come depressione e rabbia molto pronunciate rappresentano varchi per le creature astrali. La predisposizione alla violenza ed una sbilanciata sensualità, abbinato all’uso di droghe o alcol, sono tra le principali cause sia del vampirismo consapevole che di quello inconsapevole.

Vi siete mai chiesti perché l’alcol veniva chiamato spirito? Se siamo davvero così spiritosi sotto l’effetto dell’alcol, non sarà forse perché siamo appunto pieni di spiriti?

Tranquilli, non sto dicendo che se berrete un bicchiere di vino o una birra diventate dei serial killer, ma che quando eccediamo nell’assumere quelle sostanze andremo inevitabilmente danneggiando il nostro campo aurico, permettendo ai predatori astrali di agganciarsi a noi. In effetti, l’abuso di alcol riduce l’efficacia delle difese immunitarie, un danno che raggiunge il livelle energetico e/o aurico.

Fisico e astrale vengono entrambi compromessi in modo negativo.

Possiamo affermare con una certa dose di sicurezza che, sotto l’influenza di tali sostanze, i nostri pensieri e le nostre azioni subiscono una drastica influenza degenerativa, la nostra vibrazione cederà consentendo ad entità negative di allacciarsi al nostro campo energetico e di impossessarsi (anche se temporaneamente) della nostra mente.

Purtroppo la storia criminale è piena zeppa di casi di violenza accaduti proprio sotto l’influsso di droghe ed alcol. Non vi stiamo consigliando necessariamente di lasciare perdere questo genere di intrattenimento, anche se sarebbe saggio almeno moderarlo, ma vi stiamo semplicemente informando di quello che accade sul piano astrale ogni volta che indeboliamo il nostro sistema energetico aurico, che ha la funzione di proteggerci proprio contro questi attacchi.

Che vi piaccia oppure no, state vivendo in un universo vampirico la cui sussistenza, non solo sui piani materiali ma anche quelli più sottili come quelli astrali (dove per astrali si intendono quelli intermedi però comunque superiori a quelli fisici), e’ dovuta ad una PREDAZIONE.

Quindi, per capirci, non stiamo parlando dei piani dimensionali puri, ma di quelli esistenti nel Maha-tattva. E qui vi rimando alla lettura dell’articolo “Il Maha-tattva e l’internet cosmico” di questo blog.La predazione energetica avviene sui piani astrali, proprio come avviene in natura.

Secondo il libro “Tutta la verità sui vampiri” di Salvatore Brizzi: “L’abuso di sostanze stupefacenti, le pratiche sessuali perverse e la frequentazione di luoghi dalla vibrazione molto bassa come discoteche, stadi ed alcuni concerti attirano entità di questo genere” che sono alla ricerca del nostro prana o energia vitale.

Se non sapete cosa sia il prana, vi invitiamo a documentarvi riguardo a questo; nel frattempo, possiamo offrire un esempio metaforico per capire meglio: immaginate che il vostro corpo fisico sia una macchina e voi, intesi come anima, siete alla guida di questa macchina. La benzina della macchina è il vostro prana. Semplice, no? Adesso, immaginate che ogni volta che entrate in stati di consapevolezza a vibrazione bassa, come paura, rabbia, gelosia, tristezza, eccetera, oppure ogni volta che assumete sostanze che abbassano la vostra frequenza vibratoria, state aprendo lo sportello del bocchettone del vostro serbatoio di benzina a chi ha bisogno di prelevarvelo per la propria sussistenza. Se vi interessa approfondire l’argomento, vi consigliamo appunto il libro Tutta la verità sui vampiri di Salvatore Brizzi.

Articolo Scritto da Marco

Tutta la Verità sui Vampiri
Quaderni del lavoro su di sé

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here